Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il comitato referendario ginevrino che lotta contro l'estensione degli orari di apertura dei negozi delle stazioni di servizio si è sbagliato ad emettere la propria raccomandazione di voto: invece di invitare la popolazione a mettere un "no" nelle urne il 22 settembre, nell'opuscolo cantonale invita a dire "sì".

"Si tratta di un errore umano stupido e sfortunato", ha dichiarato oggi all'ats Pierre Vanek, segretario generale del partito di sinistra SolidaritéS, confermando un'informazione della "Tribune de Genève". Ormai è troppo tardi per una correzione, perché il libretto è già stato inviato ai cittadini.

Vanek ha spiegato che in assenza del segretario della Comunità ginevrina d'azione sindacale, il suo sostituto si è confuso credendo che dire "sì" significasse approvare il referendum e non la modifica della legge sul lavoro.

Per Vanek non si tratta di una catastrofe: i manifesti del comitato referendario sono chiari, così come lo è l'opuscolo federale. Il sindacato Unia ha inoltre chiesto alle autorità che il Foglio ufficiale ginevrino menzioni la confusione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS