Navigation

Legge CO2: revisione totale approvata da commissione

La Commissione dell'ambiente del Nazionale approva la revisione totale della legge sul CO2. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2020 - 14:19
(Keystone-ATS)

La Commissione dell'ambiente del Consiglio nazionale ha approvato - con 18 voti contro 7 - la revisione totale della legge sul CO2.

Ha posto le basi per la distribuzione dei mezzi del Fondo per il clima, tenendo conto di aree rurali, innovazioni nell'aviazione e offerta di treni notturni.

La maggioranza si è allineata alle decisioni del Consiglio degli Stati per quanto concerne in particolare gli obiettivi di riduzione, i requisiti per i veicoli, il Fondo per il clima e la tassa sui biglietti aerei. Lo scopo è quello di presentare un progetto equilibrato, che contribuisca alla riduzione delle emissioni di gas serra, si legge in un comunicato dei Servizi del Parlamento.

La commissione è favorevole all'istituzione di un Fondo per il clima attraverso il quale promuovere "un'ampia gamma di provvedimenti". Con 15 voti contro 8 ha in questo ambito suggerito che il Consiglio federale tenga in considerazione il sostegno alle regioni periferiche di montagna.

Con 14 voti contro 11 la commissione ha anche voluto assicurare che le risorse del Fondo per il clima possano essere impiegate per promuovere l'offerta di viaggi ferroviari oltre frontiera - inclusi i treni notturni - in alternativa ai viaggi in aereo. Al riguardo, una minoranza non ritiene necessario inserire esplicitamente nel testo questa possibile forma di promozione.

Come gli Stati, la maggioranza intende intende destinare la metà dei proventi della tassa sui biglietti aerei al finanziamento di provvedimenti a favore della protezione ambientale, e distribuire la parte rimanente alla popolazione e all'economia. Per far sì che nel settore dell'aviazione si promuovano tecnologie rispettose dell'ambiente, la commissione propone di menzionarle esplicitamente nel testo di legge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.