Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sulle coste libiche potrebbero esserci oltre mezzo milione di persone pronte a partire e che che aspettano di attraversare il Mediterraneo: lo ha detto il capo della missione Onu in Libia, Bernardino Leon, in un'intervista alla Npr, la radio pubblica americana.

Leon denuncia quindi gli abusi sul fronte dei diritti umani a cui queste persone sono sottoposte, dall'estorsione alla prostituzione.

A proposito delle azioni che la comunità internazionale si appresta a decidere per contrastare l'emergenza immigrazione, Leon spiega come la priorità siano "rafforzare la capacità di salvare le persone in mare e cercare di instaurare una cooperazione con le città sulla costa".

"In molte di queste città c'è la polizia, ci sono le autorità giudiziarie. Quindi - prosegue l'inviato Onu - è possibile che queste autorità possano arrestare i trafficanti. Noi possiamo aiutarle, e possiamo farlo a partire da ora".

"Inoltre - conclude Leon - un'altra priorità per la comunità internazionale dovrebbe essere quella di dire molto chiaramente ai libici che devono trovare una soluzione. Non chiedere armi, perché il problema reale nel Paese è il caos, è il terrorismo, sono i problemi finanziari e quello dell'immigrazione".

Oltre 1'300 migranti soccorsi al largo Libia

Dopo qualche giorno di tregua, sono intanto riprese le partenze dalla Libia verso le coste italiane: sono già 1'300 i migranti soccorsi dai mezzi della Guardia di Finanza (GdF) e della Marina Militare italiana nella giornata di oggi.

I migranti, tra cui molte donne e bambini, si trovavano a bordo di quattro barconi una trentina di miglia a nord delle coste libiche. Una delle imbarcazioni, appena concluso il trasbordo dei migranti sulle navi della Gdf, è affondata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS