Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per il presidente del PS Christian Levrat il risultato del voto odierno sull'iniziativa "per la protezione dalla violenza perpetrata con le arni è "una cosa relativamente buona". La proposta ha già prodotto risultati importanti come l'obbligo di restituire le munizioni, la revisione della legge sulle armi e la possibilità di depositare l'arma in arsenale.

Il PS denuncia tuttavia un dibattito emotivo sui valori svizzeri e l'esercito condotto dai contrari all'iniziativa. Per il vicepresidente del PS Stéphane Rossini, il campo dei "no" ha negato il fenomeno dei suicidi e della violenza con le armi.

Il testo dell'iniziativa era chiaro: chiedeva di depositare l'arma militare in arsenale, ha detto oggi il consigliere nazionale vallesano Rossini all'ATS. Era "molto scrupolosamente" detto che i tiratori e i cacciatori non sarebbero stati toccati. Ma gli oppositori hanno negato il contenuto del testo, denuncia il vice-presidente del PS. Hanno fatto in modo che il dibattito si aggirasse su tutta una serie di problematiche come l'esercito e i valori svizzeri.

Per Rossini, i contrari all'iniziativa hanno anche negato il fenomeno della violenza compiuta con le armi e le conoscenze scientifiche sul suicidio, spostando il dibattito verso la responsabilità individuale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS