Navigation

Libano: decine di migliaia ancora in piazza contro il governo

La folla di manifestanti a Beirut KEYSTONE/EPA/WAEL HAMZEH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 - 18:51
(Keystone-ATS)

Decine di migliaia di libanesi sono scesi in piazza per il quarto giorno consecutivo nelle principali città del paese per protestare contro la corruzione e la crisi economica.

I manifestanti hanno sventolato le bandiere del Libano, ma non quelle di partito, contro una classe politica accusata di essersi arricchita alle spalle della popolazione per decenni, facendo poco per i cittadini. "La gente non ce la fa più", "Non ci sono buone scuole, né elettricità né acqua", sono alcune delle rivendicazioni di una protesta, la più imponente da cinque anni a questa parte, che si è estesa oltre Beirut, toccando anche le diverse comunità religiose, da quando il governo ha deciso di imporre nuove tasse per contenere il bilancio.

Negli ultimi giorni i cortei sono stati pacifici. C'è stata un'escalation di violenza soltanto venerdì sera, quando alcuni manifestanti hanno rotto vetrine di negozi e banche e le forze di sicurezza hanno risposto lanciando lacrimogeni. E ci sono state decine di arresti. Nel frattempo Saad Hariri, premier di un governo di unità nazionale, in questi giorni sta incontrando i suoi ministri a caccia di soluzioni per rilanciare l'economia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.