Navigation

Libano: Hariri ritira candidatura a incarico premier

Il premier dimissionario libanese Saad Hariri. KEYSTONE/AP/HASSAN AMMAR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2019 - 19:08
(Keystone-ATS)

Il premier dimissionario libanese Saad Hariri ha annunciato oggi di non voler accettare l'eventuale incarico di formare un nuovo esecutivo.

Hariri ha oggi parlato pubblicamente nel contesto di graduale tensione politica e socio-economica in Libano, scosso da più di 40 giorni di massicce proteste popolari anti-governative.

Hariri si era dimesso a fine ottobre. Ma da allora il presidente della Repubblica Michel Aoun, alleato degli Hezbollah filo-iraniani che hanno membri nel governo, non ha finora avviato le consultazioni previste dalla costituzione.

Hariri si è lamentato della lentezza del processo consultivo per formare un nuovo governo e ha definito alcuni suoi colleghi politici e rappresentanti istituzionali, senza nominarli, come degli "irresponsabili".

Tra ieri e oggi sono salite le tensioni nelle piazze delle proteste a Beirut, nel sud e nella Bekaa, dove militanti di Hezbollah e dell'altro partito sciita Amal hanno attaccato i sit-in e i manifestanti anti-governativi. In alcuni casi si sono registrati spari di arma da fuoco. E si registrano in tutto 12 feriti nei disordini scoppiati tra domenica sera e oggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.