Navigation

Libano: il paese rimane paralizzato, governo non vuole dimettersi

Continuano le proteste in Libano KEYSTONE/EPA/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2019 - 08:36
(Keystone-ATS)

Le scuole, le università, le banche e diverse istituzioni del Libano rimangono chiuse anche oggi, nell'undicesimo giorno consecutivo di proteste popolari contro il carovita e la corruzione.

Le principali strade del paese rimangono bloccate e la circolazione stradale è perturbata in varie regioni.

I manifestanti e attivisti chiedono a gran voce dal 17 ottobre scorso le dimissioni dell'attuale governo. Citati dai media stamani, il premier e i ministri libanesi affermano di non avere nessuna intenzione di dimettersi. Il presidente della Banca Centrale, Riad Salame, ha detto che le dimissioni del governo complicherebbero la già difficile situazione economica del Libano.

La protesta popolare proseguirà oggi in tutte le città del paese, dal nord al sud passando per la capitale Beirut e includendo roccaforti tradizionali del partito armato sciita Hezbollah, vicino all'Iran.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.