Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Fronte al Nusra, branca siriana di Al Qaida, ha rilasciato oggi 16 soldati e poliziotti libanesi catturati nell'agosto del 2014 durante un'incursione nel Libano nord-orientale.

Il rilascio è avvenuto nell'ambito di uno scambio di prigionieri, in cui Beirut ha liberato un numero imprecisato di miliziani islamisti. L'Isis continua a detenere 9 ostaggi catturati nella stessa operazione. Altri 4 ostaggi sono stati uccisi.

La consegna dei soldati e poliziotti libanesi alle autorità di Beirut è ancora in corso nei pressi di Arsal, cittadina a maggioranza sunnita nell'alta Valle della Bekaa, a ridosso del confine con la Siria, da lungo tempo solidale con la rivolta contro il regime del presidente Bashar al Assad. È in questa regione che nell'agosto dell'anno scorso il fronte al Nusra e l'Isis sferrarono un'offensiva che provocò combattimenti durati diversi giorni con l'esercito libanese, con un bilancio di decine di morti. Successivamente i miliziani islamisti si ritirarono portando con sé i prigionieri.

L'accordo per lo scambio di prigionieri che si concretizza oggi è stato raggiunto grazie alla mediazione portata avanti dal Qatar tra il Libano e il Fronte al Nusra.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS