Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli svizzeri non vogliono abolire l'accordo di libera circolazione con l'Ue.

KEYSTONE/AP/ALIK KEPLICZ

(sda-ats)

Gli svizzeri vogliono mantenere l'accordo di libera circolazione con l'Unione europea. Secondo un sondaggio pubblicato oggi dal Matin Dimanche e dalla SonntagsZeitung, il 52% respingerebbe un'iniziativa per abolirlo, che sarebbe invece approvata dal 37%.

Solo l'elettorato dell'UDC (82%) voterebbe 'sì', mentre quello di tutti gli altri partiti è contrario. La proposta verrebbe bocciata dall'81% dei sostenitori del PS, dal 79% dei Verdi, dal 64% dei PPD e dal 61% dei PLR. Il margine d'errore del sondaggio, realizzato tra il 4 e il 5 maggio interpellando 11'500 persone, è di 1,3 punti percentuali.

L'iniziativa sedurrebbe soprattutto i ticinesi: il 50% si è infatti definito pronto a esprimersi favorevolmente. La percentuale scende al 39% fra gli svizzeri tedeschi e al 34% fra i romandi.

L'idea di un accordo quadro con l'Ue spacca in due i cittadini: il 39% si opporrebbe, mentre il 37% intende avvallarlo. Alta la quota di indecisi (24%).

L'Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI) vuole concepire insieme all'UDC un'iniziativa contro la libera circolazione delle persone. I delegati del primo partito elvetico dovranno esprimersi a tal proposito il 24 giugno a Lausen (BL). La raccolta delle firme comincerebbe poi entro la fine dell'anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS