Navigation

Libertà condizionata al complice di Dutroux

Fra gli imputati del processo per una vicenda che sconvolse il Belgio. KEYSTONE/AP BELGA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2019 - 18:32
(Keystone-ATS)

Il Tribunale dell'applicazione della pena di Bruxelles ha deciso di accordare la libertà condizionata a Michel Lelièvre, ex complice del mostro di Marcinelle Marc Dutroux.

Il provvedimento è però accompagnato da una serie di condizioni, la più importante è che riesca a trovare un alloggio entro i prossimi sei mesi. Se non ci riuscirà, la decisione decadrà e dovrà fare una nuova domanda.

Lelièvre è stato condannato nel 2004 a 25 anni di prigione per aver aiutato Dutroux a rapire alcune delle bambine che vennero poi uccise. Il Tribunale ha anche fatto sapere che l'uomo ha provato a cercare un alloggio ma finora non ci è riuscito a causa della sua identità, e quindi proverà nelle grandi città dove potrebbe essere più facile mantenere l'anonimato. I giudici hanno anche posto altre limitazioni: l'uomo non può avvicinarsi alle zone dove vivono o lavorano i parenti delle vittime di Dutroux.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.