"Due raid aerei su Tripoli hanno causato la morte di 15 nostri miliziani e il ferimento di altri 20": lo riferisce un leader delle brigate di Misurata citato dai media arabi. Il gruppo fa parte dell'Operazione Alba, che raduna un variegato arco di formazioni filo-islamiche. Se confermato, si tratterebbe del secondo raid in meno di una settimana.

Secondo la stessa fonte, due figli del capo del consiglio militare di Misurata figurano tra i feriti. Gli aerei hanno "colpito anche la sede del ministero dell'Interno", si afferma, la stessa che i miliziani avevano in precedenza annunciato di aver conquistato.

Lunedì un primo raid compiuto da "aerei sconosciuti" ha colpito le postazioni delle milizie di Misurata. Le insinuazioni di alcuni media nordafricani hanno costretto Francia e Italia a smentire un proprio coinvolgimento. L'ex generale Khalifa Haftar - impegnato con le sue milizie contro il fronte islamico a Bengasi - ha poi rivendicato la paternità degli attacchi.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.