Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Finita l'euforia dopo una giornata 'storica', la Libia adesso è in attesa dei risultati delle prime elezioni libere nel Paese che potrebbero portare a una vittoria a sorpresa dei moderati, a scapito degli islamici: sarebbero avanti in diversi seggi a Tripoli e nell'Est. Se le indiscrezioni fossero confermate, si tratterebbe del primo Paese della Primavera araba con gli islamici sconfitti alle urne.

In mattinata, il partito di Giustizia e Costruzione, braccio politico dei Fratelli Musulmani, ha annunciato che l'Alleanza delle Forze Nazionali (la coalizione dei 'moderati' guidati dall'ex primo ministro del Consiglio Nazionale Transitorio, Mahmud Jibril) era "nettamente in testa" a Tripoli e a Bengasi. Così come gli stessi liberali hanno cantato vittoria per bocca del segretario della Coalizione, Faisal al-Krekshi: "Siamo avanti nella maggior parte delle circoscrizioni".

Ma la notizia è stata subito smentita dalla commissione elettorale. "Stiamo ancora aspettando i risultati. Non ci sono indicazioni sul vantaggio di nessun partito", ha smentito il presidente dell'Alta Commissione elettorale libica, Nuri Al Abbar. "Non siamo responsabili di qualsiasi annuncio sui risultati a meno che non venga da noi", ha proseguito, precisando che le informazioni "diffuse fino ad ora sono solo speculazioni". Abbar ha anche aggiunto che "si è votato nel 98% dei seggi e che l'affluenza alle urne è stato del 66%, (1,7 milioni sui 2,7 aventi diritto, ndr)". "Questo per noi è un risultato soddisfacente". Coloro che non hanno votato fanno comunque parte di questa democrazia", ha detto Abbar.

I primi risultati "parziali" sono attesi per domani ("al massimo martedì mattina", secondo Abbar) ed entro mercoledì quelli definitivi, secondo quanto ha annunciato la commissione. Ma anche quella data rischia di slittare in quanto in almeno 8 seggi, nell'est del Paese, le operazioni di voto sono proseguite anche oggi dopo i casi di sabotaggio. "I seggi aperti sono otto, sei a Sidra e due nella regione di Kufra", dove "il materiale elettorale è giunto in ritardo dopo gli episodi di vandalismo", ha confermato ancora il presidente della Commissione, il quale ha espresso soddisfazione per l'andamento delle operazioni di voto definendolo "un successo".

Comunque sia, sembra chiaro ormai chiaro che la partita si gioca fra la coalizione dei moderati di Jibril (che riunisce 40 partiti liberali e politici indipendenti) e i Fratelli Musulmani, mentre il partito Al-Watan, guidato da Abdel Hakim Belhaj, ex leader del Gruppo Combattente dei Libici Islamici (Lifg), sembrerebbe escluso dalle prime posizioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS