Sono stati quasi 50 mila, in media circa 4.000 al giorno, gli egiziani rientrati in patria il mese scorso dalla Libia passando dal valico di Salloum, nell'est del Paese scosso da conflitti. Lo riferisce il sito del quotidiano Al-Ahram citando il governatore della regione di Matrouh, dove si trova il posto di frontiera, Badr Tantawy El-Ghandour.

La Libia è una delle principali mete degli emigrati dall'Egitto a causa della sua vicinanza e la passata politica dei confini aperti che, fino al 2006, consentiva agli egiziani di lavorare e risiedere nel Paese mostrando solo la carta d'identità.

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni stima che fino alla caduta di Muammar Gheddafi nel 2011 lavorassero in Libia dai 330 mila al milione e mezzo di egiziani, ma poi c'è stato un netto calo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.