Navigation

Libia: Afp, terminal petrolio Ras Lanuf in mano insorti

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2011 - 12:55
(Keystone-ATS)

Il terminal petrolifero di Ras Lanuf, nella Libia orientale, è caduto nelle mani delle forze antigovernative. Lo hanno constatato giornalisti della France Presse.

Ras Lanuf era stata strappata agli insorti dai lealisti il 12 marzo. Il terminal petrolifero è a 370 chilometri ad ovest di Bengasi, capoluogo della Cirenaica e roccaforte degli antigovernativi, e a 210 da Ajdabiya, strategico crocevia caduto ieri nelle loro mani. Sulla strada vicino al terminal ci sono segni di combattimenti, fra cui munizioni abbandonate e un edificio semi-distrutto. Le forze di Gheddafi continuano a ripiegare verso Sirte, la città natale del colonnello.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?