Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità libiche hanno annunciato oggi l'istituzione di una "commissione indipendente" d'inchiesta sul sanguinoso attentato contro il consolato Usa di Bengasi, costato la vita fra gli altri all'ambasciatore Chris Stevens e dietro il quale si sospetta un coinvolgimento di Al Qaida. L'iniziativa è stata confermata dall'alto commissario per la sicurezza del ministero dell'Interno, Abdelmonem al-Horr.

L'attacco, avvenuto in concomitanza con l'anniversario dell'11 settembre e condannato con sdegno in Occidente, sembra collegato con l'ondata di furia suscitata nel mondo musulmano dalla diffusione negli Usa del film anti-Islam 'L'innocenza dei musulmani'. La Casa Bianca ha già annunciato ieri sera da Washington di aver dato mandato a Cia ed Fbi di indagare sull'accaduto "in coordinamento" con le forze di sicurezza locali, mentre due unità da guerra della marina americana sono in navigazione verso la Libia. L'episodio di Bengasi conferma secondo diversi osservatori la perdurante incapacità del potere libico del dopo-Gheddafi di controllare un Paese nel quale le milizie armate paiono farla da padrone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS