Navigation

Libia: Ashton, respressione Gheddafi avrà conseguenze

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2011 - 11:08
(Keystone-ATS)

La repressione in Libia compiuta da Gheddafi avrà "conseguenze". Lo ha detto oggi l'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea (Ue) Catherine Ashton chiedendo di nuovo la fine "immediata" delle violenze.

"Gheddafi e le autorità libiche sanno che le loro azioni inaccettabili e scandalose avranno conseguenze - si legge in un comunicato della Ashton -. Le violazioni dei diritti umani devono cessare immediatamente".

L'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue sottolinea poi la necessità che i responsabili degli attacchi contri i civili siano assicurati alla giustizia: "L'impunità contro i crimini commessi non sarà tollerata".

Intanto la Croce Rossa locale, che parla di una "crisi umanitaria" e chiede aiuti, ha indicato che oltre 10.000 persone sono fuggite ieri dalla Libia attraverso il posto di confine con la Tunisia di Ras Jedir. In una settimana sono state 40.000 le persone giunte in Tunisia attraverso questo posto di confine, di cui oltre 15.000 egiziani

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?