Navigation

Libia: forze Gheddafi abbattono moschea ribelli

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 07:23
(Keystone-ATS)

Le forze fedeli a Muammar Gheddafi hanno raso al suolo una moschea che era stata usata dai ribelli come centro di comando e ospedale da campo nella città occidentale di Zawiya, tornata il 10 marzo sotto controllo del regime dopo feroci combattimenti.

L'edificio religioso in pietra bianca è stato demolito alcuni giorni fa e oggi le macerie sono state spianate con i bulldozer, con l'intento di eliminare i simboli della ribellione. Spianato anche un vicino cimitero dove gli insorti hanno sepolto i loro morti.

Alcune persone hanno espresso il loro disappunto: "La gente è sconvolta. Come si fa a rimuovere così una moschea da una piazza centrale? Questo è un paese musulmano", ha detto un residenze di Zawiya, Mohammed, mentre nella piazza sventolava la bandiera verde della Jamairiya e alcune decine di sostenitori del rais manifestavano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?