Navigation

Libia: Gheddafi al sud, oro per mercenari?

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2011 - 07:56
(Keystone-ATS)

Muammar Gheddafi si nasconde in Libia, nel sud del Paese, e sta inviando oro all'estero per organizzare un esercito di mercenari con cui tentare una controffensiva. Lo ha detto all'agenzia stampa italiana ANSA una fonte militare dei ribelli che chiede l'anonimato.

"Gheddafi è ancora in Libia, si nasconde nel sud, desertico e in gran parte inaccessibile", dice la fonte. "I convogli che avrebbero passato il confine trasportano sicuramente oro e pietre preziose. Con questo tesoro il rais pensa di poter organizzare un esercito di mercenari, del Ciad come del Mali, per poter lanciare una controffensiva. Abbiamo sempre detto che è pazzo", aggiunge l'ufficiale di alto rango.

"È noto a tutti che prima della caduta di Tripoli Gheddafi ha fatto ritirare banconote con cui ha comprato oro, diamanti, preziosi e obbligazioni", spiega ancora la fonte. "Ci sono poi gli interessi economici che ha nei Paesi occidentali, Italia compresa, temiamo abbia messo in piedi società di facciata per continuare a gestire queste enormi somme. La guerra finirà quando lo prenderemo".

Ancora due-tre giorni, intanto, prima che i rivoluzionari possano fare il loro ingresso da liberatori a Bani Walid, tra le ultime città contese nella guerra libica. Lo sostiene un comandante dei ribelli che segue da vicino gli sviluppi negoziali e militari della vicenda.

"Stiamo ancora negoziando sulla sorte dei responsabili del regime nascosti a Bani Walid che si sono macchiati le mani di sangue", afferma la fonte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?