Navigation

Libia: Gheddafi resiste, ribelli vicini a compound

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2011 - 13:29
(Keystone-ATS)

Muammar Gheddafi resiste, ma il cerchio sembra stringersi attorno a lui. Mentre nessuno sa con certezza dove si trovi il rais, i ribelli si sono avvicinati ai cancelli del suo compound-fortezza di Bab al Aziziya, bombardato nella notte da raid della Nato. Poco fa, sostengono gli insorti, esplosioni si sono sentite anche all'interno del complesso.

Nella notte almeno otto forti esplosioni hanno risuonato a Tripoli, altre sono seguite stamani, mentre i jet dell'Alleanza atlantica continuano a sorvolare la capitale libica. Nella stessa zona orientale della città, sono ripresi anche gli scontri tra insorti e lealisti, con scambi di colpi di armi pesanti.

Ormai da oltre 12 ore le zone di Tripoli sotto completo controllo dei ribelli sono senza corrente elettrica. Disagi analoghi si registrano anche vicino a Bab al Aziziya, dove c'è l'hotel Rixos, per mesi alloggio di molti giornalisti internazionali. Secondo le organizzazioni umanitarie inoltre sta crescendo l'emergenza umanitaria. Gli ospedali, denuncia Medici Senza frontiere, rischiano di rimanere senza scorte, mentre aumenta il numero di feriti.

E mentre nulla si sa della sorte del rais, a dare un duro colpo alla credibilità degli insorti è l'apparizione in nottata del figlio di Gheddafi, Saif, che il Cnt aveva detto di aver arrestato. Saif è invece libero e si è mostrato ai giornalisti nella notte a Tripoli liquidando come "menzogne" le notizie sulla sua cattura e annunciando che anche suo padre sta bene e si trova tuttora nella capitale libica. Da dove, ha fatto sapere da parte sua il portavoce del regime Mussa Ibrahim, "guida la battaglia".

Intanto lontano dalla capitale, i ribelli, secondo la tv al Arabiya, si sono scontrati con un convoglio di militari proveniente dalla città costiera di Sirte (la città natale di Gheddafi), uccidendo decine di soldati fedeli al regime. Dalla città le forze lealiste hanno lanciato ieri tre missili Scud in direzione di Misurata. Non è chiaro se abbiano causato danni o vittime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?