Navigation

Libia: Giordania invia jet per contribuire a no-fly zone

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 10:47
(Keystone-ATS)

La Giordania ha inviato jet militari in una base aerea europea per contribuire alla no fly zone sulla Libia e per per proteggere i voli umanitari dal regno arabo. Lo ha detto il ministro degli esteri giordano, Nasser Judeh.

Secondo il giornale, il ministro ha detto che la Giordania ha offerto "sostegno logistico per l'applicazione della no-fly zone disposta da una risoluzione delle Nazioni Unite". Gli aerei da combattimento inoltre proteggeranno i velivoli carichi di aiuti, il primo dei quali è atterrato all'aeroporto di Bengasi l'altro ieri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?