Navigation

Libia: Guterres a Berlino, mettere a tacere le armi

Il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha indicato alle parti di mettere a tacere le armi KEYSTONE/EPA/jsl ukit sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2020 - 17:23
(Keystone-ATS)

In Libia "affrontiamo un chiaro rischio di escalation regionale" e perciò "ribadiamo il nostro appello a tutti coloro direttamente o indirettamente coinvolti perché facciano di tutto per sostenere un'efficace cessazione delle ostilità e mettano a tacere le armi".

E' un passaggio del discorso rivolto dal segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ai partecipanti alla conferenza di Berlino. "Le violazioni incessanti e palesi dell'embargo sulle armi - dice ancora - devono cessare".

Dal canto suo, il segretario di Stato Usa Mike Pompeo ha scritto su twitter da Berlino, che "ora è il momento per i libici di decidere il futuro per sé stessi, libero dalla violenza alimentata da attori esterni. Esortiamo tutte le parti a cogliere questa opportunità, attraverso la mediazione facilitata dall'Onu, per affrontare le questioni politiche, economiche e di sicurezza che li dividono".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.