Navigation

Libia: insorti respingono transizione figlio Gheddafi

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2011 - 11:15
(Keystone-ATS)

Gli insorti libici hanno respinto l'idea di una transizione condotta dal figlio del colonnello Muammar Gheddafi, Saif. Lo ha detto lo stesso Consiglio nazionale di transizione (Cnt).

Il portavoce del Cnt, Shamseddin Abdulmelah, smentendo l'ipotesi avanzata dal "New York Times" ieri, ha detto che questa "viene completamente respinta dal Consiglio".

"Gheddafi e i suoi figli devono andarsene prima di qualunque negoziato diplomatico", ha rincarato il portavoce.

Ieri il quotidiano americano aveva scritto che almeno due figli del leader libico avrebbero proposto una transizione verso una democrazia costituzionale che comporterebbe il ritiro del loro padre dal potere e che tale periodo dovrebbe essere guidato in particolare dal figlio Saif.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?