Navigation

Libia: legami 007 Francia con rais, Parigi minimizza

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2011 - 22:07
(Keystone-ATS)

Nuovi dettagli arricchiscono la spinosa vicenda, venuta a galla la settimana scorsa, su un presunto appoggio dei servizi segreti francesi agli 007 del regime di Muhammar Gheddafi per tenere sotto controllo i dissidenti. Ma Parigi minimizza.

Secondo quanto si legge sul giornale satirico Le Canard Enchainé, sempre molto ben informato sui retroscena della politica transalpina, un gruppo di ufficiali dell'intelligence, su richiesta del presidente Nicolas Sarkozy, ha vegliato - dal luglio 2008 al febbraio 2011 - sulla messa a punto degli equipaggiamenti di spionaggio elettronico venduti a Gheddafi da diverse aziende francesi, ma anche di Stati Uniti, Cina e Sudafrica.

Già il 10 giugno, il sito Owni, seguito da Mediapart, parlava di una collaborazione tra 007 e dell'aiuto che il colonnello aveva chiesto alla Francia. Il 29 agosto, il Wall Street Journal è tornato sulla vicenda, descrivendo l'interno dei centri di sorveglianza elettronica di Tripoli, abbandonati dopo la caduta del regime, dove sono stati trovati alcuni equipaggiamenti con la sigla della società francese Amesys, controllata dal gruppo Bull. Quest'ultima avrebbe fornito agli agenti libici il sistema Eagle, un dispositivo che ha consentito loro di passare al setaccio conversazioni telefoniche, email e social network, in pratica tutte le attività online. Il tutto con la supervisione degli agenti transalpini.

Allo stesso modo, continuava il WSJ, il regime ha avvicinato altre società come Narus, filiale del costruttore aeronautico americano Boeing, specializzata nel software di protezione contro la pirateria informatica. Mentre la cinese ZTE ha venduto la sua tecnologia al regime libico per operazioni di sorveglianza. Inoltre una piccola azienda del Sudafrica, VasTech SA Pty Ltd, ha aiutato gli uomini del rais a intercettare le telefonate internazionali. "Il nostro contratto è stato firmato nel quadro di un riavvicinamento diplomatico con la Libia che aveva lo scopo di combattere il terrorismo e Al-Qaida", si difendono i reponsabili della società Amesys, che secondo il Canard Enchainé non può aver consegnato il suo materiale a Gheddafi senza l'OK del governo e dell'Eliseo.

Della vicenda si occupa oggi anche il quotidiano Le Monde. Peter Bouckaert, che indaga per l'Ong Human Rights Watch (HRW) in Libia, ha infatti dichiarato al giornale che oltre ai dossier che riguardano le presunte "rendition" illegali di prigionieri in Libia da parte di USA e Regno Unito (il premier David Cameron ha ordinato l'apertura di un'indagine), sono stati ritrovati negli uffici dei servizi libici alcuni dossier denominati Francia, Italia, Germania e Austria, di cui HRW si appresta a studiare il contenuto.

Intanto, Parigi corre ai ripari. Interpellato dal quotidiano Le Monde, il ministero degli esteri sembra voler distinguere l'azione degli 007 francesi da quella degli omologhi di americani e britannici. "Abbiamo proceduto ad accurate verifiche. Non abbiamo trovato alcuna traccia di una partecipazione francese nel trasferimento di cittadini libici verso il loro Paese d'origine".

Mentre l'Eliseo non commenta. Lunedì scorso, tuttavia, i consiglieri di Sarkozy hanno chiesto all'intelligence di verificare se ci fosse la minima "traccia" di una partecipazione francese alle "rendition". Nessun riferimento, invece, alla consegna di tecnologie per controllare i dissidenti. La Francia, così come le altre potenze occidentali, ha sempre giustificato la cooperazione con i servizi segreti libici con la necessità di combattere il terrorismo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?