Navigation

Libia: militari in stallo, si muove diplomazia

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2011 - 21:04
(Keystone-ATS)

Esplosioni, combattimenti e arretramenti più o meno "tattici" hanno scandito oggi la giornata sul campo di battaglia a Brega, nella parte Est della Libia, dove le forze di Gheddafi e quelle rivoluzionarie sono impegnate ormai da diversi giorni in una cruenta lotta di posizione e logoramento. Allo stesso tempo, i due schieramenti hanno però mosso la loro "macchina diplomatica", con emissari in partenza da Tripoli, e in arrivo a Bengasi.

Nella "capitale della rivoluzione", è arrivata una delegazione del ministero degli Esteri britannico, guidata dall' ambasciatore a Roma Christopher Prentice, per stabilire rapporti con il Consiglio nazionale di transizione libico (Cnt), il braccio politico dei rivoluzionari. Domani, il ministro degli esteri Franco Frattini incontrerà a sua volta a Roma il responsabile per la politica estera dello stesso Cnt, Ali al Isawi.

Intanto, il colonnello ha inviato ad Atene via Tunisia il suo vice ministro degli Esteri, Abdelati Obeidi, con un messaggio, di cui non è noto il contenuto, per il primo ministro George Papandreu, che ha incontrato di persona.

La partenza di Obeidi da Tripoli e il suo arrivo in Tunisia avevano peraltro in giornata creato un piccolo "giallo", poichè sembrava quasi una replica del viaggio compiuto il 28 marzo dal ministro degli esteri Mussa Kussa che, giunto per l'appunto in Tunisia per una "visita privata", pochi giorni dopo si è trasferito a Londra e ha annunciato di aver defezionato.

Intanto, Misurata è ancora stretta nell'assedio e sotto i bombardamenti dell'artiglieria pesante e dei carri armati dell' Armata Verde, che secondo fonti sul posto sembrano guadagnare terreno; mentre i ribelli ancora controllano il centro e il porto, dove qualche imbarcazione con aiuti alla popolazione assediata è riuscita ad arrivare e altre ne sono attese. La situazione umanitaria, e le carenze di cibo e medicinali si fanno però comunque sempre più gravi nella terza città per estensione della Libia, dove secondo fonti mediche solo nell' ultima settimana sono morte quasi 200 persone, nonostante lo sbarramento compiuto dagli aerei della coalizione internazionale con incursioni e raid contro le forze corazzate di Gheddafi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?