Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Nelle prossime settimane" arriveranno in Italia anche terroristi dell'Isis a bordo di barconi di migranti. Lo ha detto all'agenzia di stampa italiana ANSA il ministro dell'Informazione del governo libico di Tobruk, quello riconosciuto internazionalmente.

"Nelle prossime settimane l'Italia sperimenterà l'arrivo non solo di poveri emigranti dall'Africa ma anche di barconi che trasportano Daesh" (Isis), ha detto , Omar al Gawari, di passaggio al Cairo.

"Malta e Italia saranno interessate da operazioni attraverso i porti che sono dominati da Fajr Libya", ha detto ancora il ministro puntando il dito contro la coalizione di milizie filo-islamiche al potere a Tripoli e nella parte ovest della Libia. "L'esercito e i responsabili libici hanno informazioni in proposito", ha aggiunto senza voler aggiungere altro.

"Le Forze armate libiche devono essere ben equipaggiate per far fronte all'emigrazione clandestina: sia la Marina che protegge le coste, sia l'esercito che protegge le frontiere terrestri", ha sostenuto ancora Al Gawari. Per combattere il terrorismo, ha precisato ribadendo un'annosa richiesta, "i libici vogliono che sia levato l'embargo sulle armi e pagheranno col loro denaro per acquistare le armi necessarie per restaurare la pace e la sicurezza nel paese". "Non abbiamo bisogno di aerei", ha sottolineato.

"Per questo chiediamo alla comunità nazionale di indirizzare un messaggio ai golpisti di Tripoli di smetterla", lasciando operare "il governo legittimo che è stato eletto", quello insediato a Tobruk.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS