Navigation

Libia: Nato, accordo per rispetto embargo armi

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2011 - 15:41
(Keystone-ATS)

La Nato farà rispettare l'embargo sulle armi alla Libia previsto dalla risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Un accordo in tal senso sarebbe stato raggiunto in sede di rappresentanti permanenti nel Consiglio Atlantico, riunito oggi nel quartier generale dell'Alleanza atlantica. Lo riferiscono fonti qualificate.

Quello sul rispetto dell'embargo delle armi è il secondo 'mandato' per operazioni in Libia sul quale i 28 paesi dell'Alleanza Atlantica riescono a trovare un accordo dopo quello per una missione di protezione armata di una missione umanitaria raggiunto in sede di ministeriale difesa giovedì scorso.

Le operazioni di controllo dell'embargo, come a suo tempo spiegato da fonti Nato, implicano la possibilità di fermare con l'uso della forza le navi o i convogli sospettati di trasportare armamenti per il regime libico.

Nessuna decisione ancora è stata presa sulla dichiarazione di 'no-fly zone' da parte della Nato.

Intanto l'inviato delle Nazioni Unite in Libia, Abdel Al Khatib, ha incontrato lunedì, per la prima volta, i leader dei ribelli che combattono il colonnello Muammar Gheddafi. L'incontro è avvenuto a Tobruk, ha reso noto il servizio stampa del Palazzo di Vetro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.