Navigation

Libia: nessun aereo di Gheddafi in Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2011 - 16:52
(Keystone-ATS)

Fonti del governo italiano smentiscono seccamente che siano atterrati sulla Penisola aerei appartenenti alla flotta di Gheddafi.

"Non ho alcuna notizia che confermi la voce secondo cui due aerei libici sarebbero atterrati in Italia. Anzi, ho fatto le mie indagini e la notizia mi è stata assolutamente smentita", ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, parlando con i giornalisti.

"Sicuramente nessuno - ha sottolineato la Russa - è sbarcato in Italia da aerei libici".

La stessa risposta è stata data dal ministro degli esteri Franco Frattini: "Non mi risulta assolutamente", ha detto, precisando che "il direttore di Roma (dell'aeroporto ndr) ha già smentito e per quello di Milano verificheremo".

Precedentemente fonti militari maltesi avevano riferito che due aerei appartenenti al leader libico Muammar Gheddafi decollati da Tripoli avevano fatto scalo in Italia, uno a Roma e l'altro a Milano Linate, diretti a Bruxelles.

Secondo le fonti, a bordo dei due aerei vi sarebbero stati due emissari del colonnello che avrebbero dovuto partecipare a riunioni dell'Ue e della Nato a Bruxelles.

Intanto il portavoce del Consiglio nazionale a interim, Mustafa Ghiriani ha detto all'agenzia di stampa italiana ANSA a Bengasi che le forze fedeli a Muammar Gheddafi hanno colpito un deposito di petrolio nella città libica di Brega. Poco prima si era appreso di un deposito di greggio colpito anche a Sidra (Es Sider), vicino a Ras Lanuf.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?