Navigation

Libia: Noc, verso collasso produzione petrolio

Un pozzo petrolifero a Brega, in Libia. KEYSTONE/EPA/KHALED EL FIQI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 17:02
(Keystone-ATS)

In Libia "c'è il rischio" che "entro pochi giorni" la produzione di petrolio precipiti ai livelli più bassi dalla caduta di Muammar Gheddafi nel 2011. L'allerta arriva dal capo dell'agenzia petrolifera libica, Mustafa Sanalla, in una intervista al Financial Times.

Si prevede che a causa del blocco dei terminal petroliferi nell'est libico ordinato da Khalifa Haftar la produzione dei pozzi possa arrivare a "72mila barili al giorno". "La situazione peggiora di giorno in giorno, i blocchi sono illegali e vanno rimossi", avverte Sanalla.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.