Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Camera dei rappresentanti (il parlamento libico) basata a Tobruk ha di nuovo rinviato alla settimana prossima il voto sul governo di unità. Nella seduta odierna, convocata con questo ordine del giorno, non è stato raggiunto il quorum necessario per il voto.

Lo ha reso noto, con una dichiarazione alla stampa, la deputata Eissa El Oraby.

Il capo del Consiglio presidenziale incaricato di formare il governo, Fayez Al Sarraj, che si sta impegnando per ottenere l'approvazione del parlamento alla lista dei 18 ministri presentata, ha fatto una visita al Cairo per colloqui con responsabili egiziani ed esponenti libici. Sull'esito degli incontri non sono stati resi noti dettagli.

Intanto uno dei membri del Consiglio presidenziale, Mohamed El Amary, ha presentato le dimissioni in segno di protesta contro l'approvazione data dallo stesso Consiglio "alle operazioni in corso a Bengasi", dove l'esercito libico combatte contro i jihadisti e fa sapere di aver conquistato punti strategici della città.

"Non accetto di essere presente - ha dichiarato El Amary - in un organismo che legalizza i bombardamenti dei civili, è fiero delle uccisioni e si felicita della demolizione di case. Noi siamo entrati nel governo per fermare lo spargimento di sangue e realizzare la pace con la protezione dei diritti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS