Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Diversi paesi europei, tra cui Francia, Germania e Italia, hanno inviato aerei in Libia per il rimpatrio dei loro cittadini, ma la Svizzera per il momento non intende procedere a questa operazione. Il numero dei Confederati che vogliono lasciare il paese nordafricano è scarso, ha reso noto all'ATS il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ma le cose potrebbero cambiare qualora la situazione dovesse deteriorarsi.

Per il momento il DFAE consiglia di non recarsi in Libia e invita chi vi risiede ad andarsene, "se ciò è possibile e sicuro", a bordo di aerei di linea o di voli speciali organizzati da altri paesi. 46 Svizzeri, 40 dei quali con la doppia nazionalità, risultano immatricolati all'ambasciata elvetica a Tripoli, che è in costante contatto con essi. Il DFAE per il momento non dispone di alcuna informazione secondo cui qualcuno potrebbe essere stato coinvolto nelle violenze di questi giorni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS