Navigation

Libia: sessione speciale del Consiglio diritti umani

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 febbraio 2011 - 12:55
(Keystone-ATS)

Il Consiglio dei diritti umani si riunirà in sessione speciale venerdì a Ginevra per discutere delle violazioni in Libia. Lo ha indicato oggi un portavoce dell'Onu. Diaciannove dei 47 paesi membri del Consiglio - tra cui la Svizzera - hanno sostenuto l'iniziativa.

Ieri l'Alto commissario dell'Onu per i diritti umani Navi Pillay aveva denunciato la possibilità di crimini contro l'umanità commessi dalle autorità libiche.

Già ieri sera intense trattative hanno permesso di raccogliere le firme di 16 paesi necessarie per convocare la sessione speciale su "La situazione dei diritti umani in Libia".

La domanda inoltrata dall'Ungheria in nome dell'Unione europea è stata approvata dai seguenti paesi membri: Stati Uniti, Norvegia, Senegal, Giappone, Polonia, Ungheria, Belgio, Spagna, Francia, Giordania, Argentina, Cile, Gran Bretagna, Qatar, Svizzera, Messico, Maldive, Brasile, Slovacchia, ha precisato L'Alto Commissariato Onu per i diritti umani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?