Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"L'Isis ha rivendicato un attentato suicida con autobomba contro l'esercito libico a Bengasi sostenendo di aver causato circa 50 morti": lo scrive in un tweet Rita Katz, la direttrice del Site, la società americana che monitora l'attività dei jihadisti su internet.

'50 apostati dell'esercito libico uccisi in un'operazione-martirio a Bengasì, è il titolo della breve rivendicazione allegata al tweet. Il testo indica il nome del kamikaze (Abu Assem al Ansari) che ha colpito i soldati del "governo di Haftar", con riferimento al comandante generale delle forze fedeli a Tobruk.

"Nel quadro dei combattimenti in corso fra soldati del califfato e l'esercito libico apostata", l'attentatore "è riuscito a penetrare e afar esplodere l'autobomba in una gran folla di apostati", si sostiene nella rivendicazione che precisa: "questa operazione ha portato alla morte di circa 50 apostati e alla distruzione di 10 vetture, grazie a Dio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS