Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Consiste in un "piano Marshall" dotato di "7-10 miliardi di euro" la strategia per il Mediterraneo presentata dalla Commissione europea per affrontare la crisi del Nordafrica, ma soprattutto per garantire lo sviluppo democratico dell'area e frenare il fondamentalismo islamico. Lo ha spiegato il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani.

"Nel rapporto col Nordafrica l'Europa c'è e vuole essere protagonista di una nuova stagione", ha detto Tajani. "Credo che, superata l'emergenza, dalla crisi debba nascere una nuova stagione nei rapporti tra l'Europa e l'Africa del Nord e l'intero mondo arabo".

"Il progetto che la Commissione presenta al Consiglio - ha specificato Tajani - prevede una serie di investimenti. È una sorta di piano Marshall, così l'ha definito lo stesso Barroso, che deve permetterci di far crescere economicamente il Nordafrica e garantire stabilità, per frenare il fenomeno dell'emigrazione e tagliare l'erba sotto i piedi a un fondamentalismo islamico che, di fronte alle attese di centinaia di migliaia di giovani, spera che i governi democratici non siano in grado di dare risposte".

"Noi invece - ha aggiunto il vicepreesidente della Commissione - come Europa dobbiamo aiutare i governi democratici che stanno nascendo e che nasceranno a poter guidare il Nord Africa verso un percorso di stabilità".

Nello specifico delle somme pronte per essere investite, Tajani ha indicato che "ci sono già proposte di investimento tra i 7 e i 10 miliardi di euro", affermando che sui tempi delle erogazioni sarà comunque necessario attendere che si siano insediati governi stabili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS