Navigation

Lidl, via dagli scaffali articoli di plastica monouso

Lidl si impegna sul fronte ambientale. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2020 - 14:00
(Keystone-ATS)

Via gli articoli di plastica monouso dagli scaffali di Lidl: la catena di supermercati ha annunciato oggi di aver raggiunto l'obiettivo - fissato nel 2018, come prima entità del settore - di eliminare questo tipo di prodotti dalla vendita.

"Nella nostra strategia riguardo la plastica seguiamo un approccio chiaro, ovvero: evitare, ridurre, riciclare", spiega il responsabile del marketing Reto Ruch, citato in un comunicato odierno. "Eliminando gli articoli monouso in plastica ne evitiamo l'impiego, risparmiando così ogni anno circa 50 tonnellate di plastica e contribuendo a migliorare il nostro bilancio".

Concretamente a sparire dalle oltre 140 filiali sono cannucce, bicchieri e bicchierini, piatti, posate e bastoncini cotonati con impugnatura in plastica. Vengono sostituiti con prodotti fabbricati con materiali alternativi, riciclabili e rinnovabili: ad esempio, per quanto riguarda i bastoncini cotonati, fibre di carta. Anche per la stagione delle grigliate Lidl - come già l'anno scorso - inserirà in promozione stoviglie e posate monouso di materiali alternativi.

Il gruppo si è posto come obiettivo generale una riduzione del 20% dell'impiego della plastica entro il 2025. Questo sta avvenendo in vari modi: rinunciando a distribuire sacchetti di plastica gratuiti ala cassa, evitando di vendere borse per la spesa in plastica, ampliando l'offerta di prodotti sciolti nel reparto frutta, verdura e frutta secca, aumentando l'impiego di fascette e tecniche laser al posto degli imballaggi di plastica, nonché riducendo il peso delle bottiglie per bibite.

Lidl Svizzera è stata fondata nel 2003 e le prime filiali sono state aperte nel marzo 2009. Oggi l'azienda con sede a Weinfelden (TG) gestisce oltre 140 punti vendita (sette in Ticino e quattro nei Grigioni) e ha 4000 dipendenti. A livello europeo le succursali del gruppo tedesco (le cui origini risalgono agli anni '30 del secolo scorso) sono circa 10'800 in 29 paesi. Lidl dispone della più grande rete di negozi di alimentari discount del continente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.