Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tracce dello stesso polonio radioattivo che risulta aver ucciso nel 2006 l'ex ufficiale dei servizi segreti russi Aleksandr Litvinenko, transfuga a Londra, furono ritrovate nelle settimane successive anche nella sede dell'ambasciata britannica a Mosca.

Lo scrive oggi il domenicale del Mirror, sostenendo che a lasciarle accidentalmente sarebbero stati i due sospetti esecutori dell'omicidio, gli ex agenti Andrei Lugovoi e Dmitri Kovtun, presentatisi nella sede diplomatica poche settimane dopo essere rimpatriati "per discolparsi" dalle accuse che già circolavano contro di loro.

Il racconto è attribuito dal tabloid a Paul Knott, un ex diplomatico all'epoca in servizio a Mosca. Knott, che ha oggi 45 anni e vive in Svizzera, afferma che la vicenda fu tenuta 'top secret' per non creare panico e non alimentare l'escalation di un clima da nuova guerra fredda. Aggiunge che la stanza in cui Lugovoi e Kovtun vennero ricevuti fu tenuta chiusa per oltre un mese per essere decontaminata.

L'ex diplomatico, sempre secondo il Mirror, conclude di non aver mai creduto alle dichiarazioni d'innocenza dei due e di non credere oggi che Litvinenko possa essere stato ucciso senza un placet di Vladimir Putin.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS