Lo "sprayer di Zurigo" Harald Naegeli compie 80 anni

Una delle figure di Harald Naegeli, nelle scale dell'autosilo Hohe Promenade, fotografata nel 1984. KEYSTONE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2019 - 07:00
(Keystone-ATS)

Harald Naegeli si è fatto un nome come "sprayer di Zurigo", una qualifica che per decenni non è stata accompagnata affatto da benevolenza. Oggi, l'artista di fama internazionale, che per anni ha dovuto comporre con la giustizia, compie ottant'anni.

Per Naegeli, accuse a causa delle sue rappresentazioni con la bomboletta spray su muri e facciate nella città di Zwingli sono state cosa usuale. Dalla fine degli anni Settanta di notte e di nascosto, anonimamente, ha tracciato tra 400 e 600 graffiti filiformi. Con queste provocazioni, Naegeli, nato a Zurigo il 4 dicembre 1939, ha suscitato molte rimostranze e fu perseguito penalmente. Nel 1981, il Tribunale cantonale di Zurigo lo riconobbe colpevole di danneggiamento e lo condannò a nove mesi da scontare e a una pesante multa. Naegeli fuggì in Germania, dove continuò a disegnare graffiti, e così a poco a poco da vandalo si trasformò in artista di fama internazionale. In seguito a un mandato d'arresto internazionale si consegnò alle autorità svizzere. Nel 1984, dopo aver scontato sei mesi di carcere, non sentendosi compreso a Zurigo tornò in autoesilio a Düsseldorf (D).

Poi il peso della giustizia sulle spalle dello zurighese si è alleggerito. Nonostante ulteriori citazioni davanti alla giustizia, la frontiera tra danni alla proprietà e arte nello spazio pubblico si è col tempo fatta molto più tenue agli occhi delle autorità. Zurigo nel 1993 lo ha accolto come fosse un figliol prodigo e gli ha dedicato una retrospettiva al Kunsthaus. In un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung dello scorso luglio l'artista si è dimostrato conciliante: "In passato ero considerato imbrattatore e danneggiatore. Ora invece sono visto come un pioniere della street art, un artista serio".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo