Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il vincitore del Pardo d'oro

KEYSTONE/AP Keystone/ALEXANDRA WEY

(sda-ats)

Il Pardo d'oro della 71esima edizione del Locarno festival è stato attribuito alla pellicola "A Land Imagined" del regista di Singapore Yeo Siew Hua, un film noir a tinte sociali.

Il premio speciale della giuria - si legge in una nota - è andato al documentario "M", della francese Yolande Zauberman, mentre quello per la migliore regia alla cilena Dominga Sotomayor e al suo "Tarde para morir joven".

Andra Guți, per il suo ruolo in "Alice T.", del regista rumeno Radu Muntean, ha vinto il riconoscimento per la migliore interpretazione femminile. Quello per l'interpretazione maschile è invece andato a KI Joobong in "Gangbyun Hotel", del sudcoreano Hong Sangsoo, già vincitore del Pardo d'oro nel 2015. La giuria ha inoltre attribuito una menzione speciale alla pellicola "Ray & Liz", del britannico Richard Billingham.

Il Premio del pubblico di Piazza Grande è andato a "BlacKKklansman", del regista statunitense Spike Lee, mentre la regista svizzera Bettina Oberli si è aggiudicata il Variety Piazza Grande Award, per il suo film "Le vent tourne", girato nel Giura. Questo premio, assegnato da alcuni critici della rivista presenti a Locarno, mira a favorire la carriera internazionale di una pellicola.

Nella sezione Cineasti del presente a vincere è stato "Chaos" della regista siriana Sara Fattahi, che vive a Vienna. Premio speciale alla svizzera Nicole Vögele per il suo documentario "Closing Time".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS