Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Azienda America riparte dopo la 'gelata' invernale. L'economia crea in aprile 223'000 posti di lavoro con il tasso di disoccupazione che cala al 5,4%, ai minimi da maggio 2008, ovvero ai livelli precrisi, prima del fallimento di Lehman Brother.

Wall Street brinda ai dati che alleviano i timori sullo stato di salute dell'economia americana e di un suo rallentamento e 'rimandano' a settembre un possibile aumento dei tassi di interesse da parte della Fed.

Il tasso di disoccupazione si avvicina sempre più al target del 5-5,2% della Fed per la definizione di piena occupazione. Nonostante questo, una stretta a giugno sembra - secondo gli analisti - ormai non più sul tavolo. I dati relativi ai primi tre mesi dell'anno hanno allontanato l'ipotesi di un aumento dei tassi a giugno, mostrando un'economia in deciso rallentamento. Una frenata legata in parte al maltempo ma anche alla corsa del dollaro e al calo dei prezzi del petrolio. E sono proprio gli effetti del caro-dollaro, che rende le esportazioni americani più costose e quindi meno appetibili, a far temere.

La fotografia scattata dal Dipartimento del lavoro allevia però i timori. "I dati dovrebbero allentare ulteriormente i timori della Fed sul fatto che il dollaro forte e il calo dei prezzi del petrolio cambino in modo permanente l'outlook economico degli Stati Uniti", afferma Scott Anderson, capo economista a Bank of the West, sottolineando come la Fed alzerà i tassi a settembre 2015. "La possibilità di un aumento a giugno è fuori dal tavolo, con maggiori probabilità di un aumento a settembre" mette in evidenza Paul Ashwoth, capo economista per gli Stati Uniti della società di ricerca Capital Economics.

"Il mercato del lavoro non è così veloce da anni. Il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi da quasi sette anni e 3 milioni di posti di lavoro sono stati creati negli ultimi 12 mesi" afferma Obama dalla sede della Nike, dove si trova per sponsorizzare l'accordo di libero scambio Trans-Pacific Partnership. Un accordo che consentirà - mette in evidenza Obama - la creazione di decine migliaia di posti di lavoro negli Stati Uniti. Nike ha già assicurato che se l'accordo sarà approvato dal Congresso creerà 10'000 posti negli Stati Uniti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS