Navigation

Louvre, già 40 mln di perdite a causa del coronavirus

La pandemia ha provocato gravi ripercussioni finanziarie per il Louvre KEYSTONE/EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2020 - 19:36
(Keystone-ATS)

La crisi del coronavirus ha già causato "oltre 40 milioni di perdite" al Louvre, tra i musei più importanti al mondo.

È quanto annunciato dal presidente direttore del museo parigino, Jean-Claude Martinez, che prevede un "piano di trasformazione" e una "democratizzazione culturale" entro i Giochi Olimpici di Parigi 2024.

"Abbiamo già perso oltre 40 milioni di euro: biglietteria, affitto degli spazi, introiti diversi", ha detto in occasione della conferenza stampa organizzata in vista della riapertura del Louvre dopo mesi di chiusura.

Una chiusura dovuta alle restrizioni imposte dalla guerra al coronavirus. Il resto, ha proseguito Martinez, "dipenderà dalla frequentazione di questa estate, di questo autunno". "Attraverseremo tre anni di frequentazione minima", ha avvertito il direttore, che spera di riportare al Louvre i parigini per limitare i danni: "Perdiamo 80% del nostro pubblico. 75% dei nostri visitatori sono di origine straniera. Avremo al massimo 20/30% delle nostre frequentazioni estive (rispetto all'estate scorsa)" e "massimo 10'000 visitatori al giorno".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.