Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il museo del Louvre a Parigi (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/KAMIL ZIHNIOGLU

(sda-ats)

Ha parlato l'attentatore che la settimana scorsa si è scagliato con due macheti contro una pattuglia di militari al Carrousel du Louvre al grido di "Allah Akbar!".

Secondo quanto scrive oggi Le Figaro, l'egiziano di 29 anni, ricoverato all'ospedale Pompidou di Parigi, ha detto agli inquirenti di aver agito da solo.

"Sono un pacifista", ha assicurato, spiegando che voleva solo imbrattare alcune tele del museo con la vernice spray che aveva nello zaino per protestare contro i bombardamenti della coalizione in Siria. Il 29 gennaio, Abdallah El-Hamahmy aveva già fatto un sopralluogo nel museo.

Tra gli inquirenti domina lo scetticismo. "È la prima versione dei fatti - precisa una fonte giudiziaria - sembra difficile credere alla benché minima parola". Alla domanda sul perché il Louvre, l'assalitore ha detto che voleva affossare il turismo francese e la sua economia in generale. I due macheti, ha poi spiegato, li aveva acquistati il 28 gennaio per proteggersi in caso di un intervento del servizio d'ordine del museo. Padre di famiglia, con una moglie incinta, El-Hamamy ha assicurato di non avere mandanti e di aver agito da solo. Ieri il suo stato di salute è fortemente peggiorato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS