Navigation

LU: cavallerizzo condannato per maltrattamenti animali

Il cavallerizzo lucernese del salto a ostacoli Paul Estermann (foto d'archvio) KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2019 - 10:51
(Keystone-ATS)

Il tribunale distrettuale di Willisau (LU) ha condannato il 56enne noto cavallerizzo lucernese del salto a ostacoli Paul Estermann per ripetuti maltrattamenti di due cavalli compiuti con la frusta a una pena pecuniaria con la condizionale e a una multa.

Lo si legge in una breve dichiarazione della sentenza pubblicata oggi.

Con i due cavalli - "Castlefield Eclipse" e "Lord Pepsi" - Estermann ha partecipato a varie competizioni internazionali dal 2011 al 2019, come le Olimpiadi di Londra del 2012, i Campionati del Mondo del 2014 a Caen (F) e diversi Campionati europei.

L'accusato ha violato l'integrità fisica e la dignità dei due cavalli più volte e ha ripetutamente maltrattato gli animali, indica la sentenza.

La procura aveva accusato il cavallerizzo di aver frustato in modo eccessivo, talvolta a sangue, i due animali in almeno cinque occasioni, tra il 2014 e il 2017. Secondo il pubblico ministero, Estermann con la frusta da dressage ha deliberatamente causato ai due cavalli lesioni dolorose inutili.

Durante l'udienza di martedì Estermann aveva respinto le accuse e sostenuto di usare frusta e speroni, ma mai per punire o far male.

L'avvocato difensore ha presentato ricorso contro la decisione. Il tribunale distrettuale di Willisau fornirà una motivazione del verdetto per iscritto. Per la procedura d'appello è competente il Tribunale cantonale di Lucerna.

Secondo la legge federale sulla protezione degli animali, chiunque maltratta un animale o ne ignora la dignità è perseguibile penalmente. Secondo il regolamento della Federazione equestre svizzera, se un cavallo viene ferito dall'uso di una frusta, questo è considerato un eccesso. Inoltre la frusta non può mai essere usata più di tre volte per un evento specifico e mai sulla testa dell'animale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.