Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il corpo senza vita di un richiedente asilo respinto è stato scoperto una settimana dopo la morte in un centro di accoglienza alla periferia di Lucerna. L'uomo si è suicidato.

Nell'edificio alloggiano una trentina di persone, fra cui bambini, le cui domande di asilo non sono state accolte. Sono alcuni di loro ad aver scoperto il cadavere, insospettiti dal cattivo odore proveniente da una stanza chiusa. La notizia, diffusa dalla Neue Luzerner Zeitung, è stata confermata all'ats dal responsabile della coordinazione del settore dell'asilo a livello cantonale, Ruedi Fahrni.

La vittima, di cui le autorità non rivelano l'origine, viveva nel centro, periodicamente, da circa sette anni. Prima di compiere il tragico gesto aveva annunciato alle autorità un'assenza di una o due settimane. Per questo motivo non è stata denunciata la sua scomparsa.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS