Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LUCERNA - Ventitre persone sono state condannate dalla prefettura lucernese a pene pecuniarie sospese, tranne in un caso, per un ammontare tra 900 e 18'000 franchi. I giovani, di età compresa tra i 19 e i 28 anni, si sono resi colpevoli di atti di teppismo in tre diverse partite di calcio nel mese di aprile dello scorso anno. Gli hooligans sono stati identificati grazie all'aiuto di testimoni e di foto diffuse in internet.
Cinque tifosi sono stati riconosciuti colpevoli di sommossa e condannati a pene pecuniaire comprese tra i 2700 e i 16'800 franchi e una multa di 500 franchi ciascuno. I fatti si sono svolti il 9 aprile nella partita che opponeva il Lucerna al Vaduz.
Diciassette hooligans sono stati condannati a pene pecuniarie comprese tra 2700 e 18'000 franchi e a una multa tra 200 e 500 franchi per sommossa, disturbo della quiete pubblica e comportamento indecente in seguito ai disordini avvenuti al termine della partita tra il Lucerna e il Sion del 13 aprile.
Infine, nella partita che vedeva opposte le due medesime squadre e giocata il 22 aprile, uno zugano è stato condannato a una pena pecuniaria di 900 franchi e a una multa di 250 per possesso di materiale pirotecnico non autorizzato e inosservanza delle prescrizioni di sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS