Navigation

Lucio Dalla: si apre partita eredità

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 marzo 2012 - 21:28
(Keystone-ATS)

Del testamento non c'è traccia, ma da oggi la partita milionaria dell'eredità di Lucio Dalla è ufficialmente aperta. Il tribunale di Bologna ha nominato il commercialista Massimo Gambini curatore del patrimonio dell'artista. Un tesoro da inventariare e da custodire per conto dei futuri eredi, a cui spetterà la decisione se dare vita o meno alla fondazione tanto cara all'artista.

"Se un notaio avesse un testamento di Lucio Dalla, a quest'ora mi avrebbe già contattato", osserva Gambini, che per prima cosa dovrà fare ordine tra le numerose carte del suo appartamento di Bologna, a caccia delle eventuali ultime volontà. Nessuna cassaforte senza chiave, filtra dall'ambiente. E Gambini allontana dalla vicenda qualunque genere di mistero. "Non ci sono testamenti depositati dal notaio, che si sarebbe già fatto vivo - sottolinea il curatore - ma questo non vuol dire che non ne possa spuntare fuori uno olografo".

L'inventario dei beni non è ancora iniziato, ma già si parla di alcuni cugini, da parte della madre dell'artista. In assenza di un testamento, o di una scrittura privata, l'eredità toccherebbe a loro - spiega all'ANSA il curatore - così come la creazione di un'eventuale Fondazione Lucio Dalla. Quella per cui Gaetano Curreri, leader degli Stadio, e il legale del cantante scomparso la scorsa settimana, avvocato Eugenio d'Andrea, hanno fatto istanza per la nomina del curatore.

Gambini, professionista molto noto a Bologna, ha già prestato giuramento e presto inizierà a inventariare i beni del cantautore bolognese. Dall'appartamento di 2mila metri quadrati nel centro di Bologna alle ville delle isole Tremiti e di Milo, dai diritti d'autore alle royalties, senza dimenticare le due società di produzione - la Assistime Spa e la Pressing Line srl - di cui Dalla era socio.

Il presidente del tribunale di Bologna, Francesco Scutellari, ha designato anche quattro notai che dovranno riferire al curatore. Quest'ultimo, a sua volta, presenterà una relazione periodica al giudice Angela De Meo, presidente della prima sezione civile.

Gli adempimenti burocratici, e le carte che dovranno essere compilate, non fermano le polemiche sull'omosessualità e i funerali cristiani, così come quelle per la presenza sull'altare della basilica di San Petronio dell'amico Marco Alemanno. Questioni "di cattivo gusto", secondo il sociologo Antonio Marziale, allontanate anche dal presidente della Cei, l'arcivescovo di Genova cardinale Angelo Bagnasco: "Di fronte ai morti, di fronte ai defunti - è il suo commento sulla vicenda - preghiamo gli uni per gli altri. Sempre".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?