Navigation

Lufthansa dopo crollo per il coronavirus esce dal Dax

Dopo il crollo dovuto alla crisi del Coronavirus, Lufthansa esce dal Dax, il principale indice azionario della borsa di Francoforte (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/LUKAS BARTH-TUTTAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2020 - 07:18
(Keystone-ATS)

Dopo il crollo dovuto alla crisi del Coronavirus, Lufthansa esce dal Dax, il principale indice azionario della borsa di Francoforte.

La compagnia aerea entrerà dal 22 giugno nel MDax, indice delle società di capitalizzazione media, secondo quanto annunciato dalla Deutsche Boerse e riferito dalla Dpa. Fra i colossi del Dax entra l'immobiliare di Berlino "Deutsche Wohnen".

La compagnia, che ha da qualche giorno raggiunto un'intesa col governo tedesco, per un piano di salvataggio, uscirà dall'indice dei 30 principali gruppi tedeschi quotati in borsa, dopo averne fatto parte per ben 32 anni consecutivi.

La compagnia di bandiera tedesca non è la prima storica impresa a lasciare il Dax: negli anni scorsi è toccato anche a Thyssenkrupp (2019) e a Commerzbank (2018).

La crisi del coronavirus, che ha paralizzato il mondo intero, ha fortemente colpito Lufthansa, che ha stretto un accordo col governo di Angela Merkel per 9 miliardi di euro di aiuti, a fronte di una partecipazione statale del 20%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.