Navigation

Luoghi Santi: disordini su Spianata Moschee Gerusalemme

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2010 - 09:56
(Keystone-ATS)

GERUSALEMME - Un reparto della polizia israeliana ha fatto irruzione stamane nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme. Lo ha riferito la radio militare.
Secondo la emittente gli agenti sono intervenuti dopo che una ventina di giovani palestinesi avevano preso a sassate una comitiva di turisti, all'interno della Spianata.
La emittente ha aggiunto che i dimostranti palestinesi avevano trascorso la nottata all'interno della Spianata.
Fonti palestinesi aggiungono che la tensione era percepibile nella Città Vecchia di Gerusalemme. Secondo le fonti, responsabili della Spianata delle Moschee avevano avvertito la popolazione palestinese della possibilità di un ingresso di estremisti ebrei in quel Luogo santo, in occasione della festa del Purim, il Carnevale ebraico che si festeggia oggi.
Le fonti hanno aggiunto che la polizia israeliana è presente oggi in forze nella Città Vecchia di Gerusalemme e vieta l'ingresso alla Spianata ai palestinesi di età inferiore ai 50 anni.
Fra israeliani e palestinesi la tensione è salita nell'ultima settimana in seguito alla decisione del governo di Benyamin Netanyahu di includere fra i luoghi da tutelare per il loro particolare significato al popolo ebraico anche due santuari che si trovano in Cisgiordania: la Tomba dei Patriarchi di Hebron e la Tomba di Rachele a Betlemme. Si tratta di Luoghi santi sia per gli ebrei sia per i musulmani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.