Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Luoghi Santi: incidenti su Spianata Moschee

GERUSALEMME - Resta alta la tensione nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme dopo che fra dimostranti palestinesi e un reparto della polizia israeliana si sono verificati oggi incidenti in cui una dozzina di palestinesi sono rimasti intossicati da gas lacrimogeni e un agente è stato ferito da sassate.
Ad alimentare la tensione era giunta nei giorni scorsi la decisione del governo di Benyamin Netanyahu di includere fra i luoghi da tutelare per il loro significato al popolo ebraico anche due santuari in Cisgiordania: la Tomba dei Patriarchi di Hebron e la Tomba di Rachele a Betlemme. Si tratta di Luoghi Santi sia per gli ebrei sia per i musulmani.
In seguito il Movimento islamico in Israele aveva avvertito che oggi, in occasione del Purim (carnevale ebraico) "coloni ebrei" avrebbero cercato di fare ingresso nella Spianata delle Moschee. Quando stamane dunque una comitiva di turisti (ebrei e non) è entrata nella Spianata, ha avuto iniziato una fitta sassaiola. Secondo la polizia israeliana, nella nottata alcune decine di giovani palestinesi si erano nascosti nella moschea al-Aqsa allo scopo di contrastare l'ingresso di ebrei nella Spianata.
Nella tarda mattinata una calma precaria è stata ristabilita nella zona, mentre nella Spianata sono riprese le visite dei turisti. Incidenti di carattere circoscritto sono avvenuti anche in alcuni vicoli della Città Vecchia e nel rione palestinese di Ras el-Amud, a Gerusalemme est.
Tensione - ma finora nessun incidente - anche a Hebron dove, malgrado gli scontri fra esercito e palestinesi dei giorni scorsi, centinaia di coloni ebrei organizzano oggi un corteo carnevalesco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.