Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il 63% degli svizzeri sono favorevoli alla riforma della Previdenza per la vecchiaia 2020 che è stata trasmessa al parlamento lo scorso mese di novembre. Stando a un sondaggio, gli assicurati LPP sono generalmente soddisfatti dell'attuale sistema di casse pensioni.

L'inchiesta, realizzata dall'istituto gsf-zürich per conto di AXA Investment Managers, ha evidenziato che la maggioranza degli assicurati ai sensi della Legge sulla previdenza professionale (LPP) obbligatoria giudica una riforma necessaria, affinché anche le generazioni future possano approfittare della prestazioni del secondo pilastro.

I tre quarti degli assicurati sono favorevoli al previsto innalzamento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni, ossia allo stesso livello degli uomini. Il 57% si è detto favorevole alla riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6%, a condizione che le misure di compensazione non facciano aumentare i contributi.

Una buona parte della popolazione attiva auspicherebbe peraltro più flessibilità nella costituzione del patrimonio di previdenza. Il 28% degli attivi preferirebbe accumulare risparmi in modo autonomo in vista del pensionamento, piuttosto che dover versare dei contributi obbligatori alla loro cassa.

Se dovessero andare ora in pensione, il 52% delle persone interpellate sceglierebbe una rendita mensile, il 36% preferirebbe una combinazione fra rendita e prelievo del capitale di vecchiaia, mentre una persona su dieci si farebbe versare l'intero capitale.

Il sondaggio, intitolato "Conoscenze della popolazione svizzera sulle casse pensioni 2015", viene realizzato per la quinta volta. Da esso emerge che il tema della previdenza professionale continua a suscitare poco interesse, nonostante le difficoltà a cui si dovrà confrontare il sistema del secondo pilastro.

Il 27% degli intervistati dichiara di non interessarsi affatto all'argomento. Il tasso sale addirittura al 46% fra le persone attive fra i 18 e i 24 anni d'età. L'interesse aumenta in generale con l'avanzare degli anni e cala di nuovo una volta raggiunta l'età della pensione.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS