Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Malcontento della Svizzera per video campagna Obama

L'ambasciata svizzera a Washington ha manifestato malcontento ai responsabili della campagna presidenziale per l'uscente Barack Obama dopo la diffusione di un video che presenta la Confederazione come un paradiso fiscale. Il clip mette in scena una donna, che è fatta passare per svizzera ed ex impiegata di UBS, specializzata in evasione fiscale.

Il filmato dà "l'impressione che il fatto di avere un conto bancario in Svizzera sia di per sé già dubbio e serva sempre a celare soldi al fisco", sostiene il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in una presa di posizione trasmessa oggi all'ats, confermando un'informazione pubblicata sul sito internet di Le Matin.

Attraverso colei che è presentata come "Miss conto bancario svizzero", il campo democratico lancia una nuova frecciata al candidato repubblicano. Questi infatti ha rivelato solo la sua situazione finanziaria degli ultimi due anni e non di quelli prima. Una polemica è scoppiata in luglio dopo che la rivista statunitense Vanity Fair ha reso noto che Romney aveva un conto in banca di tre milioni di dollari nella Confederazione, stando alla sua dichiarazione fiscale per il 2010.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.