Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex presidente delle Maldive, Mohamed Nasheed, è stato condannato ieri sera a 13 anni da un tribunale penale di Male che lo ha riconosciuto colpevole di "terrorismo" per aver ordinato nel 2012 l'arresto di un giudice accusato di corruzione e abuso di potere. Lo scrive oggi il quotidiano Miadhu.

Primo presidente democraticamente eletto dell'arcipelago e soprannominato il 'Mandela delle Maldive', Nasheed ha respinto le accuse e chiesto ai suoi sostenitori di rivoltarsi. Durato appena tre settimane, il processo è stato duramente criticato dai legali di Nasheed, che hanno accusato i giudici di parzialità e si sono dimessi in massa una settimana fa.

Dopo essere stato presidente fra il 2008 e il 2012, Nasheed si ripresentò nelle presidenziali del 2013, ma fu sconfitto in un criticatissimo processo elettorale dall'attuale presidente Abdulla Yameen Abdul Gayoom.

Numerose nazioni, fra cui Stati Uniti e India, hanno manifestato preoccupazione per le tensioni che l'incarceramento di Nasheed potrebbe provocare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS